Critica

Sound Form

Sound form

«…un cd di straordinaria bellezza. La scrittura di Marco Dalpane è all’altezza delle sue cose migliori, tant’è che una simile brillante collezione di pezzi non sfigurerebbe affatto dentro il catalogo Lovely Music o anche Cold Blue, magari accanto al celeberrimo “An Hour for Piano” di Tom Johnson (del quale per altro Marco è stato ottimo esecutore) e ai piano pieces di William Duckworth…Ascoltate il passaggio tra l’accordeon di Gulf Stream (North Atlantic Drift) e il piano di Mapping the Sky, e infine il piano giocattolo di Old Bacteria. Insieme tredici minuti di puro incanto per l’orecchio. Ma tutto il disco scorre via felice, toccando il suo zenith nei nove minuti finali di Dunker’s Box, dove par intuire che la lezione del “Well Tuned Piano” di LaMonte Young è ben compresa nel disegno di Marco Dalpane, configurando “Sound Form” come una tra le pagine più originali del moderno post-minimalismo».
Gino Dal Soler – Blow Up

«…Marco Dalpane, il pianista-musicologo bolognese impegnato nei più vari repertori, dalla classica all’avanguardia al rock al pop, artista autentico, dall’onnivora curiosità, autore di un bellissimo album di musiche proprie, Sound Form, in cui è impegnato al pianoforte, al toy piano, alla fisarmonica e alle percussioni all’interno di una palestra dotata di eccezionale riverberazione. Si ascolta una musica bella e di suggestione, a metà fra un minimalismo morbido alla Ten Holt e una certa “musique d’ameublement di sapore satieano. Cuore del cd Aha Erlebnis (aha experience)».
Alberto Spano – Magazine Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna

«Il tuo disco è straordinario. Stabile nel lettore della mia auto. I miei più sinceri complimenti».
Enrico Merlin, musicologo – comunicazione privata

«…un lavoro di grande asciuttezza e coerenza espressiva».
Fabrizio Versienti – Musica Jazz

 

Brother Buster

«La produzione di Marco Dalpane si rivela di ottima fattura. Un buon lavoro nel quale i due musicisti vivono ogni singola traccia, dando ottima prova di composizione (Dalpane) e mostrando forse un volto finora inedito alla propria versatilità (Adamo). CD intenso e di elevato valore intimistico.»
Paolo Santini - Bluestime.it

 

Piano transcriptions of Frank Zappa’s music

«Caro Marco, le tue trascrizioni zappiane sono sempre molto brillanti ed entusiasmanti. La tua fantasia creativa si unisce al progetto originale di Zappa mantenendone intatta l’ironia e la teatralità in un’esaltante sintesi sonora che si propone autorevolmente nel repertorio pianistico contemporaneo!»
Nicola Sani, consulente artistico del Teatro Comunale di Bologna – comunicazione privata

«Especially in the case of Frank Zappa suite, Marco’s transcriptions demonstrate that the music of Frank Zappa is a text that can be read in different languages keeping the original message, and sometimes renewing it.» The Resentment Listener  http://rhoerer.wordpress.com